Paul Gannay

Sviluppatore leggendario

Francese purosangue, questo dottore in giurisprudenza entra nella Banque de l’Indochine nel 1906, al termine degli studi. Iniziata in sordina, la sua carriera evolve in seguito per portarlo verso le più alte responsabilità. In particolare, assumerà la carica di direttore dell’agenzia Saigon nel 1920 e diventerà Ispettore Generale della Banca nel 1926. In questa veste, controllerà tutte le sedi della rete e intratterrà rapporti con tutte le più alte autorità locali.

 
Un ruolo decisivo per il territorio e per la Banca

Grazie al suo talento, Paul Gannay partecipa attivamente allo sviluppo economico dell’Indocina; rivestirà inoltre la carica di delegato della Croce Rossa per la colonia. Negli anni ‘30, svolge un ruolo decisivo al servizio dell’economia indocinese, gravemente minacciata dalla crisi. Più tardi, la sua azione permetterà alla Banca di conservare la propria indipendenza, sia durante l’invasione giapponese che al momento della guerra d’Indocina. 

 
Semplicità, talento e originalità: una leggenda aziendale 

Paul Gannay è rimasto anche scolpito nella memoria dell’azienda per gli aspetti unici della sua personalità. Nonostante la sua posizione prestigiosa nella società di Saigon, Paul aveva scelto uno stile di vita semplice e indossava in genere un bermuda e un paio di sandali ma questo non gli impediva di essere sempre accompagnato da una pantera nera.

Ritorno in alto